Da Berna

TI_carobbio_marina_SP_2011_web_cut

Da ben dieci anni siedo in Consiglio Nazionale, dove ho potuto portare avanti varie proposte e contribuire all’elaborazione di importanti progetti. Scopri di più sulla mia attività a Berna in questa sezione – buona lettura!

Quali temi mi stanno particolarmente a cuore?

Le tematiche che mi stanno particolarmente a cuore: le assicurazioni sociali di fronte alla povertà crescente, all’emarginazione, a un lavoro sempre più precario; il sistema sanitario svizzero, di alta qualità, certo, ma anche sempre più a due velocità; il diritto all’alloggio come spazio di vita; i gravi problemi ambientali, che chiedono interventi puntuali, globali, ma anche locali; un ripensamento del nostro sistema economico che sappia coniugare qualità di vita e sviluppo.

Quali sono i temi prioritari nella legislatura 2015-2019?

In questa legislatura i temi prioritari sono sicuramente la strategia energetica e la riforma della previdenza vecchiaia, progetto sul quale era personalmente particolare attiva sedendo nella commissione responsabile. Altri temi che hanno occupato la mia attività parlamentare sono le imprese sociali, le cassi malati, la questione della parità di genere e l’ambiente. Puoi trovare qui gli oggetti parlamentari da me depositati.

Presidenza 2019

Da dicembre 2016 ricopro il ruolo di seconda vicepresidente del Consiglio nazionale e nel 2019 dovrei quindi diventare presidente della camera – Grazie mille al Partito Socialista Svizzero che mi ha nominato per questa carica.

Assumere questo compito è un impegno che vorrei assolvere nel migliore dei modi possibili. È un incarico prestigioso che, a mio parere, va oltre la conduzione del Consiglio Nazionale, delle Camere riunite o dell’Ufficio del Consiglio Nazionale. Dal momento che la o il presidente rappresenta il Consiglio Nazionale verso l’esterno, assumere questa carica significa anche dar voce a tutte e tutti coloro che vivono in Svizzera, siano essi svizzeri, residenti, ma anche migranti o persone senza fissa dimora.

Provenendo da una minoranza linguistica e culturale qual è la Svizzera italiana, ritengo di poter essere la persona adatta per far da ponte non solo tra le diverse regioni linguistiche svizzere, ma anche tra le variegate componenti che vi risiedono. La Svizzera ha più che mai bisogno di esprimere solidarietà e apertura, ma anche di coesione sociale. Il mio percorso personale, politico e professionale è caratterizzato proprio dall’impegno su questi fronti.

Sarebbe inoltre la prima volta che una rappresentante del socialismo ticinese e della Svizzera italiana diventi Presidente del Consiglio nazionale: reputerei un onore rappresentare tutti voi, il nostro Cantone e il Partito.

Mandati

Attualmente sono membro di due commissioni del Consiglio Nazionale: quella della finanze e quella della sicurezza sociale e della sanità. Faccio inoltre parte della delegazione delle finanze. Da medico e Socialista reputo il tema della sanità e socialità particolarmente importante per garantire a tutti e tutte una vita il più priva possibile di preoccupazioni. Per fare ciò sono necessari degli ingenti mezzi finanziari: un compito importante è decidere come e per cosa vadano spesi i soldi pubblici.

Trovi qui maggiori informazioni sull’attività delle due commissioni: 

Dal 2008 sono anche vicepresidente del Partito Socialista Svizzero.

Trasparenza

La trasparenza è un elemento centrale della democrazia. Perciò rendo pubblici le mie relazioni d’interesse  e le mie entrate legate all’attività parlamentare e professionale. Ho consegnato le mie due carte d’accesso per palazzo federale a Laura Riget (mia collaboratrice personale e membro della Gioventù Socialista) e Jean-Félix Savary (Groupement Romand d’Etudes des Addictions Grea). La legge sul parlamento federale prevede che ogni deputato alle camere federali deve segnalare i suoi legami d’interesse (mandati in associazioni, società, fondazioni , organi istituzionali ecc.). Ciò non è però sufficiente. Per il buon funzionamento della nostra democrazia è necessario quindi rendere pubblici anche i redditi che sono conseguiti tramite l’assunzione di questi mandati, che per quanto mi riguarda rendo pubblici in questa sede. Nel 2015 ho versato 9700 franchi come finanziamento al PSS, PS-Ticino e gruppo della sinistra Lumino.

Nel 2016 il mio reddito lordo da attività politica ammontava a:

  • Consiglio Nazionale (compreso indennità per previdenza): lordi 98’236 .- franchi, di cui 10’152.- franchi di indennità di previdenza (imponibile 92’245.- franchi). 

Retribuzioni e rimborso spese da mandati:

  • Associazione svizzera inquilini  (presidente fino al novembre 2016, in seguito vicepresidente): 3200.- franchi lordi
  • PSS  (vicepresidente): 5000.- franchi
  • Coordinazione nazionale dipendenze (presidente): 4000.- franchi

Tutti gli altri mandati (AMCA, Fondazione Amici di AMCA, Fondazione Casa Astra, Iniziativa delle Alpi, VPOD, Associazione Solidarietà con la Grecia Associazione Solidarietà con la Grecia e fondazione per il bambino ammalato) non sono retribuiti.

Ulteriori informazioni