Dentro e fuori le istituzioni a difesa della dignità del lavoro – Newsletter 1/2015

Dentro e fuori le istituzioni a difesa della dignità del lavoro – Newsletter 1/2015

Il lavoro dignitoso non si riferisce soltanto al diritto di sopravvivere ma anche al diritto di prosperare e avere una vita soddisfacente e dignitosa. Questo diritto deve essere accessibile a tutti” 

Nelson Mandela

 

Bisogna abbandonare l’idea che la deregolamentazione del mercato del lavoro risolva i problema di occupazione! La situazione del mondo del lavoro è estremamente difficile, anche perché alcuni imprenditori senza scrupoli utilizzano la decisione della Banca nazionale di togliere la soglia minima del franco per abbassare i salari, annunciare licenziamenti e minacciare delocalizzazioni. Il successo dello sciopero condotto coraggiosamente dai lavoratori e dalle lavoratrici della Exten, le reazioni degli operai delle Ferriere Cattaneo e della Micromacinazione mostrano come sia importante non accettare passivamente le pressioni da parte del mondo padronale. A difesa di un lavoro dignitoso e a sostegno di tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori, ma anche a favore di quelle aziende che rispettano la dignità dei lavoratori,  è indispensabile mobilitarsi ed essere presenti alla Manifestazione che si terrà davanti al palazzo delle Orsoline a Bellinzona sabato 28 febbraio #NOdipiùpermeno 

Alcuni temi della sessione primaverile delle camere federali

La prossima settimana inizierà la sessione delle Camere federali www.parlamento.ch, durante la quale interverrò e presenterò delle proposte a difesa del lavoro, riprendendo la questione del divieto di versare i salari in euro o ancorati a un tasso di cambio fittizio. Sarò impegnata anche per la nuova legge sui trapianti affinché tutti coloro che ne hanno bisogno possano più facilmente accedere a un trapianto, e mi occuperò della Perequazione finanziaria intercantonale e delle sue conseguenze per il nostro Cantone. Sempre nella prossima sessione delle Camere federali presenterò delle proposte affinché gli esami diagnostici per famiglie con rischio di malattie genetiche siano rimborsati.

E ora giù gli affitti

Oggi più che mai le economie domestiche devono essere sostenute e i salari difesi. Sempre più persone faticano a causa di salari reali fermi al palo, se non addirittura più bassi, mentre i costi fissi aumentano, in primis quelli per l’alloggio e i premi cassa malati. Ecco perché con i tassi di interesse così bassi gli affitti devono scendere! Ed ecco perché, dal 14 marzo 2015, si potrà firmare un’iniziativa popolare che chiede che alla popolazione ticinese siano rimborsate le cure dentarie.

Parlare di affitti significa anche parlare di ipoteche: interverrò dunque con un atto parlamentareper cambiare una pratica che fa sì che al momento della rescissione anticipata di un contratto ipotecario con la banca si debbano pagare della penalità.  In questo ambito potrebbe esserci un risparmio effettivo sia per chi ha un’abitazione propria, sia per gli inquilini.

L’alternativa c’è

7marzo2015L’ 8 marzo è la giornata internazionale della donna che, nel nostro paese, si fanno carico della maggior parte del lavoro di cura non remunerato e sono ancora discriminate, in particolare sul piano salariale e pensionistico. Questa giornata sarà preceduta dalla manifestazione nazionale per la parità a Berna il 7 marzo.

Mentre proprio l’8 marzo si voterà sull’iniziativa solo apparentemente attrattiva  “Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione” che invito a respingere votando NO perché non è con degli sgravi fiscali – che favoriscono maggiormente i redditi più alti e che faranno mancare risorse all’ente pubblico – che si fa politica familiare. Vi invito inoltre a respingere l’iniziativa “Imposta sull’energia invece dell’IVA”. Potete seguirmi anche sulla mia pagina e sul mio profilo FB, nonché su Twitter.
Vi ringrazio ancora una volta per l’interesse che dimostrate per le mie attività

Cari saluti

Marina Carobbio Guscetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *