Sì all’iniziativa per abitazioni a prezzi accessibili! 🏡📮 – Newsletter

Sì all’iniziativa per abitazioni a prezzi accessibili! 🏡📮 – Newsletter
BuongiornoIl 9 febbraio siamo chiamati a votare su un’iniziativa che reputo molto importante, chiamata iniziativa federale «Più abitazioni a prezzi accessibili». L’iniziativa è stata lanciata nel 2015 dall’Associazione svizzera degli Inquilini, quando ero presidente della stessa, e chiede che almeno il 10% delle nuove edificazioni siano a pigione moderata (cooperative o di proprietà di enti di utilità pubblica).

L’iniziativa permetterebbe di aiutare quelle famiglie che sono attualmente in grande difficoltà a pagare gli affitti molto elevati, dovendo trasferirsi per esempio in periferia o rinunciare ad altre spese. Nel frattempo il profitto degli speculatori continua ad aumentare: diciamo stop a questa situazione!

Trovate qui maggiori informazioni. Vi invito anche a guardare il dibattito di 60 minuti lunedì prossimo, al quale parteciperò.

Sempre il 9 febbraio voteremo anche sulla modifica della norma penale antirazzista, per includervi il divieto di discriminazioni e appelli pubblici all’odio basati sull’orientamento sessuale. Penso che sia un importante passo verso una società che rispetti la dignità di ogni persona e vi invito a votare sì. Per quanto riguarda invece le votazioni cantonali, voterò due no.
Settimana scorsa è stato lanciato il referendum contro l’acquisto di nuovi aerei da combattimento, dal costo di 6 miliardi di franchi. Pur concordando che bisogna garantire la protezione del nostro spazio aereo, penso che questo acquisto non sia necessario e un costo eccessivo. Sono soldi che mancheranno in ambiti più urgenti, come i sussidi di cassa malati o l’AVS.Come Partito Socialista Svizzero abbiamo contattato degli esperti esterni all’amministrazione federale ed elaborato il concetto „Air2030plus“. Ci sono degli scenari alternativi che permetterebbero comunque di garantire anche in futuro i compiti della polizia aerea, senza spendere miliardi.

Ti invito quindi a firmare il referendum contro questo credito d’acquisto: stampa il formulario, piegalo, chiudilo con un pezzo di adesivo e spediscilo al indirizzo indicato. 

Grazie mille per il tuo sostegno e cari saluti,
Marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *